Informative

Buoni pasto, nuove regole dal 9 settembre | info n. 36/2017

Download

Dal 9 settembre 2017 entrano in vigore le nuove regole gestionali dei buoni pasto. Così ha disposto il Decreto ministeriale delle infrastrutture e dello sviluppo economico n. 122/2017.

La disposizione ministeriale prevede:

  1. la limitazione di utilizzo in unica soluzione dei buoni pasto: dal 9 settembre non sarà più possibile spendere più di 8 buoni al giorno;
  2. la definizione degli utilizzatori dei buoni: dipendenti full-time, dipendenti part-time anche qualora l’orario di lavoro non preveda una pausa per il pasto, collaboratori.

Precedentemente era dubbia la legittimità di erogazione dei buoni pasto a favore di lavoratori con orario di lavoro parziale non comprendente la pausa pranzo. In questi casi era prudenziale istituire un regolamento aziendale che prevedesse questa casistica e rendesse quindi legittima l’erogazione.

E’ affermato con forza che i buoni pasto sono utilizzabili solo dal titolare, esclusivamente per l’intero valore facciale, che non sono cedibili né commercializzabili o convertibili in denaro.

Ogni buono in forma cartacea e/o elettronico dovrà contenere:

  • il codice fiscale o la ragione sociale del datore di lavoro;
  • la ragione sociale e il codice fiscale della società di emissione;
  • il valore facciale espresso in valuta corrente;
  • il termine temporale di utilizzo;
  • uno spazio riservato all’apposizione della data di utilizzo, della firma del titolare e del timbro dell’esercizio convenzionato presso il quale il buono pasto viene utilizzato;
  • la dicitura “Il buono pasto non è cedibile, né cumulabile oltre il limite di otto buoni, né commercializzabile o convertibile in denaro; può essere utilizzato solo se datato e sottoscritto dal titolare”.

Ultime news

Informative

Proroga fattura elettronica carburante | info 26/2018

Rinviato al 1° gennaio 2019 l’obbligo della fatturazione elettronica per la vendita di carburante a soggetti titolari di partita IVA presso gli impianti stradali di distribuzione.
Confermato invece l’obbligo di pagamento con strumenti tracciabili

Vai alla news
Informative

Divieto di pagamento retribuzioni in contanti | info n. 24/2018

Dal 1 luglio è vietato pagare retribuzioni e compensi in contanti ma diventa obbligatorio utilizzare metodi che consentono la tracciabilità dei pagamenti.
Per il mancato rispetto della norma è prevista una sanzione da 1.000 a 5.000 euro

Vai alla news
Informative

Ferie non godute, obbligo di contribuzione | info n. 20/2018

Sulle ferie maturate nel 2016 e non godute entro il 30 giugno 2018 scatta l’obbligo di versare i contributi Inps sulla retribuzione del mese di luglio 2018, nella quale ricomprendere anche la somma economica equivalente alle ferie non godute.

Vai alla news