Informative

Canone RAI per le imprese | info n. 11/2019

Le imprese iscritte al Registro imprese della Camera di Commercio hanno ricevuto la richiesta di pagamento del canone speciale, ma non tutte devono pagarlo.
Infatti si deve pagare entro il 31 gennaio soltanto se nei locali aziendali sono presenti TV o PC idonei a ricevere le trasmissioni televisive.
E’ stata la stessa Rai a ricordare che il canone speciale non si paga se il computer è privo di sintonizzatore. Il Ministero dello sviluppo economico ha chiarito che per apparecchio televisivo si intende “un apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare, direttamente o tramite decoder o sintonizzatore esterno. Per sintonizzatore si intende un dispositivo, interno o esterno, idoneo ad operare nelle bande di frequenze destinate al servizio televisivo secondo almeno uno degli standard previsti nel sistema italiano per poter ricevere il relativo segnale TV”.
E’ dunque chiaro che non costituiscono apparecchi televisivi computer, smartphone, tablet, ed ogni altro dispositivo se privi del sintonizzatore per il segnale digitale terrestre o satellitare.
Il canone speciale a differenza di quello domestico non viene addebitato nella bolletta elettrica ma deve essere pagato mediante bollettino postale allegato alla richiesta di pagamento inviata dalla RAI.
I dati del pagamento dovranno essere indicati nella dichiarazione dei redditi in una delle seguenti tre opzioni:
1 – Detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio;
2 – Detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio televisive:
3 – Non detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio televisive.
In caso di trasferimento dell’apparecchio in un locale diverso da quello indicato sul canone oppure di cambiamento della ragione sociale, il titolare del canone dovrà comunicare alla Sede Regionale della RAI competente per territorio la nuova intestazione. La comunicazione di variazione è obbligatoria anche in caso di modifica del numero di apparecchi oltre al primo.
Le sanzioni previste in caso di mancato versamento dell’importo dovuto vanno da 103,29 euro a 516,45 euro. Si raccomanda pertanto di prestare la massima attenzione nel verificare che gli apparecchi presenti in azienda siano o meno provvisti di sintonizzatore.

Ultime news

Informative

Rottamazione Ter e saldo e stralcio cartelle | info n. 21/2018

L’istanza è da presentare entro il 30 aprile, le cartelle si rottamano senza versare sanzioni e interessi di mora e può accedere anche chi ha già aderito alla rottamazione bis ma non ha rispettato le scadenze

Vai alla news
Informative

Legge di bilancio in sintesi | info n. 9/2019

Riportiamo una sintesi dei contenuti della Legge di bilancio 2019, che riprenderemo nello specifico per gli approfondimenti più opportuni

Vai alla news
Informative

Tassazione IRPEF reddito lavoro dipendente, conguaglio | info n. 4/2019

Il conguaglio di fine anno viene spesso percepito come un disagio per il lavoratore. Proponiamo un sistema di tassazione alternativo, che equilibra le trattenute in corso d’anno riducendo il conguaglio

Vai alla news