Informative

E’ tempo di inventario | info n. 41/2018

Si avvicina la fine dell’anno e con essa la chiusura dell’esercizio fiscale. È dunque ora di organizzarsi per “contare” e “valutare” le rimanenze di magazzino ossia ciò che è rimasto delle merci e delle materie prime acquistate, i prodotti e i servizi in corso di lavorazione e i prodotti finiti esistenti nelle sedi aziendali, nei suoi magazzini e depositi.

Soltanto le imprese che per almeno 2 periodi di imposta consecutivi:

  • realizzano un volume di ricavi annuo superiore a 5.164.568,99 euro;
  • dichiarano alla fine del periodo di imposta un valore di rimanenze finale superiore a 1.032.913,80 euro

dal secondo periodo di imposta successivo sono obbligate alla contabilizzazione del magazzino.

Tutte le altre imprese sono tenute ad elencare le rimanenze in una distinta analitica e a valutarle rispettando i seguenti criteri:

  • Merci e Materie Prime: da raggruppare, secondo categorie omogenee per natura e valore, con l’indicazione del criterio adottato (costo specifico, LIFO, FIFO o costo medio ponderato).
  • Prodotti finiti: indicazione analitica dei costi sostenuti per la produzione.
  • Prodotti in corso di lavorazione: indicazione analitica dei costi di produzione sostenuti fino al 31/12.
  • Lavori e servizi in corso su ordinazione: indicazione analitica del criterio valutativo adottato (costo di produzione o corrispettivo pattuito).

Rappresenta una novita’ il fatto che le imprese che hanno adottato il regime di contabilità semplificata per cassa o con il criterio che considera incassi e pagamenti avvenuti nella data di registrazione dei documenti fiscali, le rimanenze non hanno alcun impatto nella determinazione del reddito. Cio’ nonostante anche per questi contribuenti è necessario redigere l’inventario per la compilazione degli indicatori di affidabilità fiscale (ISA) che sostituiranno gli studi di settore.

 

Ultime news

Comunicazioni

Lo studio sarà chiuso per ferie dal 8 al 25

L’area fiscale dello studio riaprirà il 2 settembre

Vai alla news
Informative

Definiti i termini di emissione della fattura elettronica | info n. 33/2019

A partire dall’1 luglio 2019 la fattura può essere emessa e inviata allo SDI entro dodici giorni dall’effettuazione dell’operazione

Vai alla news
Informative

Versamento imposte e contributi prorogato al 30 settembre | info n. 32/2019

E’ confermata la proroga dei versamenti al 30 settembre ed è estesa a tutti i versamenti risultanti dalle dichiarazioni, inclusi minimi e forfettari

Vai alla news