Informative

Per restare sempre e correttamente aggiornati
Informative

Sistemi di controllo a distanza | n. 46/2015

Gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le Rappresentanze Sindacali.
L’ installazione e l’utilizzo di questi strumenti senza aver esperito la procedura sindacale o aver ottenuto l’autorizzazione necessaria, si configura come una violazione dello Statuto dei Lavoratori e qualunque informazione riferita al personale dipendente ottenuta per il loro tramite è inutilizzabile.

Vai alla news
Informative

Libro unico – lavoro all’estero | n. 45/2015

Dal 1° gennaio 2017 il Libro Unico del Lavoro sarà tenuto, in modalità telematica, presso il Ministero del Lavoro, al fine di agevolare l’attività di vigilanza.
Preme evidenziare che la disposizione in esame non aggiunge un’ulteriore modalità di tenuta del LUL rispetto a quelle vigenti, ma introduce un’unica modalità di predisposizione, tenuta e vidimazione.
La tenuta in modalità telematica presso il Ministero del Lavoro sostituisce, pertanto, le modalità esistenti.
Entro il 24 marzo 2016 sarà emanato un apposito decreto ministeriale contenente le relative istruzioni tecniche.

Vai alla news
Informative

Salute e sicurezza del lavoro | n. 44/2015

Ai fini della sicurezza del lavoro il Decreto 151/2015 equipara i lavoratori che prestano lavoro accessorio ai lavoratori autonomi, estendendo loro gli obblighi previsti dall’art. 21 del TU 81/2008.
Dal 24 settembre 2015 i nuovi obblighi per i lavoratori con voucher sono quindi:
a) utilizzare attrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni di cui al titolo III;
b) munirsi di dispositivi di protezione individuale ed utilizzarli conformemente alle disposizioni di cui al titolo III;
c) munirsi di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le proprie generalità, qualora effettuino la loro prestazione in un luogo di lavoro nel quale si svolgano attività in regime di appalto o subappalto.

Vai alla news
Informative

Collocamento obbligatorio | n. 43/2015

Entro il 24 marzo 2016 il Ministero del Lavoro fornirà le linee guida in materia di collocamento mirato delle persone con disabilità.
Resta confermato l’insorgenza dell’obbligo di assunzione del disabile al raggiungimento del limite occupazionale di 15 lavoratori computabili.
Il Decreto prevede il diritto al computo anche nei casi di lavoratori già disabili prima della costituzione del rapporto di lavoro ma non assunti tramite il collocamento obbligatorio a condizione che abbiano particolari requisiti soggettivi legati alla disabilità.

Vai alla news
Informative

Collaborazioni coordinate e continuative e occasionali | n.42/2015

Facendo seguito alla nostra circolare n. 31 ritorniamo sull’argomento approfondendo le novità introdotte dal D. Lgs 81 di attuazione del Jobs Act.
Dal 25 giugno 2015 sono abrogate le collaborazioni coordinate e continuative nella forma a progetto.
Restano in vita le collaborazioni coordinate e continuative purché considerate “genuine”, ossia senza organizzazione e direzione gestite dal committente.
Sono abrogatati anche i limiti oggettivi per la qualificazione della prestazione occasionale: 30 giorni e 5 mila euro nell’arco dell’anno.

Vai alla news
Informative

Riordino degli ammortizzatori sociali | n.41/2015

Il D.L. n. 148, entrato in vigore il 24 settembre, ha modificato la normativa in tema di Cassa Integrazione Ordinaria, Cassa Integrazione Straordinaria e Fondi di Solidarietà. Nell’informativa approfondiamo le novità introdotte.

Vai alla news
Informative

DURC on line | n.39/2015

Con il nuovo Durc online, operativo dal 1° luglio 2015, le aziende possono chiedere il rilascio immediato del Documento Unico di Regolarità Contributiva, se in regola con il pagamento dei contribut

Vai alla news
Informative

Esonero contributivo e tutele crescenti | n. 38/2015

Dopo le novità introdotte, il rapporto a tempo indeterminato batte sia il tempo determinato che l’apprendistato, sia dal punto di vista del costo sia dal punto di vista delle implicazioni gestionali del rapporto e dei costi legati al licenziamento.
Per rendere tangibili queste affermazioni, proponiamo una tabella nella quale esponiamo varie casistiche

Vai alla news